Un bando europeo sulla tracciabilità transnazionale delle pensioni a favore dei cittadini

Cinzia Boschiero

All’interno del programma comunitario denominato EaSI – Asse Progress è aperto un bando (rif. VP/2016/017 ) in attuazione della fase pilota del Servizio europeo di tracciamento delle pensioni. Il Servizio europeo di tracciamento delle pensioni (ETS) punta a facilitare l’accesso alle informazioni relative alla pensione da parte di lavoratori che si sono trasferiti in un altro Stato comunitario per poter garantire loro l’adeguatezza delle pensioni ed eguali diritti di previdenza. Possono essere cofinanziati progetti per la creazione di reti, per lo sviluppo di infrastrutture digitali e per attività di sensibilizzazione e divulgazione, organizzazione di conferenze, seminari, sviluppo di attività di formazione, realizzazione di analisi e/o studi. Si vuole creare e sviluppare un portale ETS che consenta ai cittadini dell’Unione europea di individuare la loro precedente pensione integrativa in almeno cinque Stati comunitari o anche in altri Paesi ammissibili a EaSI e di ottenere informazioni sul quadro normativo, i diritti e gli obblighi applicabili alla previdenza complementare in questi Stati.

I progetti devono prevedere l’utilizzo di innovativi strumenti digitali all’interno del quadro del così denominato “Meccanismo per collegare l’Europa”, come ad esempio eDelivery, eIdentifiation, eSignature.
La Commissione europea cofinanzia progetti attivati da enti oppure organizzazioni senza scopo di lucro, pubbliche amministrazioni, enti privati che si occupano di previdenza complementare, fornitori di previdenza complementare o loro organizzazioni rappresentative. Gli Stati che si possono inserire nei progetti sono oltre agli Stati dell’Unione europea anche Islanda e Norvegia, Albania, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Montenegro, Serbia, Turchia. Il cofinanziamento copre sino all’ottanta per cento dei costi ammissibili. Ogni progetto deve durare ventiquattro mesi e si può presentare domanda tramite la piattaforma Swim. Il budget totale del bando ammonta a due milioni e mezzo di euro. E’ gestito dalla Commissione europea, Direzione Generale Occupazione, Affari sociali (rif. ec.europa.eu/social). La prima scadenza è il 31 maggio per presentare domanda. Il programma comunitario Easi per l’occupazione e l’innovazione è uno strumento finanziario europeo che punta a promuovere un elevato livello di occupazione sostenibile e di qualità, garantire una protezione sociale adeguata e dignitosa, combattere l’emarginazione e la povertà e migliorare le condizioni di lavoro. L’asse Progress del programma EaSI aiuta l’Unione Europea e gli Stati che ne fanno parte a migliorare le loro politiche in tre ambiti tematici: occupazione; protezione sociale e integrazione; condizioni di lavoro.